Martedì, 25 Novembre, 2008 - 14:30

Relazione sulle materie all’ordine del giorno della Assemblea Straordinaria dei Soci della Banca Popolare di Spoleto Spa, del 22/23 dicembre 2008, ai sensi e per gli effetti del D.M. n. 437 del 5.11.1998

Martedì 25 Novembre 2008

1) Aumento di capitale sociale, a pagamento, per totali €. 44.000.000, da collocarsi in forma scindibile, con chiusura delle operazioni entro il 25 Aprile 2009 e con possibilità di chiusura anticipata, mediante emissione di azioni ordinarie Banca Popolare di Spoleto S.p.A., del valore nominale di € 2,84 (duevirgolaottantaquattro) ciascuna, oltre a sovrapprezzo, godimento regolare, da liberarsi, come segue:
a) quanto ad €. 4.400.000 (quattromilioniquattrocentomila), pari al 10% dell’intero aumento di capitale, in forma scindibile, con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell'articolo 2441, comma 8 del codice civile, mediante emissione di azioni ordinarie Banca Popolare di Spoleto S.p.A.- da offrirsi, ai sensi dell’art.5 dello Statuto della Banca Popolare di Spoleto spa, in sottoscrizione a ciascun dipendente, proporzionalmente al numero dei dipendenti come risultante al giorno iniziale dell’esecuzione dell’aumento di capitale - del valore nominale di € 2,84 (duevirgolaottantaquattro) ciascuna, godimento regolare, senza alcun diritto dei dipendenti, dei soci o di terzi sulle azioni non sottoscritte dai dipendenti;
b) quanto ad €. 39.600.000 (trentanovemilioniseicentomila), in forma scindibile, mediante emissione di azioni ordinarie Banca Popolare di Spoleto S.p.A., da offrirsi in opzione agli azionisti ai sensi dell’art. 2441 codice civile, del valore nominale di € 2,84 (duevirgolaottantaquattro) ciascuna, godimento regolare.
2) deliberazioni inerenti alla determinazione del sovrapprezzo
3) Conseguente modifica dell'attuale articolo 5 – comma 1 - dello statuto sociale. 4) Conferimento al Presidente del Consiglio di Amministrazione e al Direttore Generale, in via disgiunta tra loro, di tutte le facoltà occorrenti per il compimento di ogni atto necessario od opportuno per l'attuazione dell’aumento di capitale ed in particolare, a titolo esemplificativo e non esaustivo:
(i) determinare i modi e le condizioni dell'assegnazione;
(ii) procedere alla pubblicazione della offerta in opzione presso il Registro delle Imprese, all'offerta in Borsa dei diritti inoptati, nonché al collocamento, anche presso terzi, delle azioni rimaste inoptate, fermo restando quanto stabilito al precedente punto 1a);
(iii) approntare e presentare ogni documento richiesto ai fini dell'esecuzione dell'operazione deliberata, ivi compreso il prospetto informativo;
(iv) chiudere anticipatamente l’operazione di aumento di capitale;
5) conferimento al Presidente del Consiglio di Amministrazione e al Direttore Generale, in via disgiunta tra loro, di ogni più ampia facoltà di introdurre nelle delibere assunte, ogni modifica e/o integrazione si rendesse necessaria, a richiesta di ogni autorità competente anche in sede di iscrizione nel registro delle imprese e, in generale, a provvedere a tutto quanto richiesto per la completa attuazione delle deliberazioni di cui sopra, con ogni potere a tale scopo necessario e opportuno, nessuno escluso o eccettuato, nonché ogni potere per curare le pratiche e formalità necessarie per l'esatta esecuzione delle presenti delibere, con facoltà di stabilire i termini e le modalità per il collocamento delle azioni rimaste eventualmente inoptate, e di provvedere, ai sensi dell'art. 2436, secondo comma, codice civile, al deposito della attestazione della avvenuta sottoscrizione del capitale di aumento, ai sensi dell'art. 2444 codice civile.
6) Conferimento di delega al Presidente a procedere in caso di collocazione dell’aumento per importo inferiore a quello deliberato, per effetto della scindibilità, ad ulteriore modifica statutaria, una volta chiuse le operazioni.


Spoleto, 25 novembre 2009

Ultima modifica 28/06/2016