Funzioni del CdA

Oltre ai poteri generali di amministrazione ordinaria e straordinaria della società, eccetto le facoltà riservate dalla legge all’Assemblea, al Cda spettano principalmente i seguenti compiti specifici:

  • la determinazione di indirizzi che incidono sulla gestione generale degli affari dell’azienda e del gruppo, nonché -  in tale ambito -  le decisioni concernenti le linee e le operazioni strategiche ed i piani industriali e finanziari, nonché quelle concernenti, sempre a livello di supervisione strategica, il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi in conformità delle disposizioni di vigilanza prudenziale tempo per tempo vigenti;
  • l’emanazione e la modifica dei principali regolamenti interni e in particolare del “Regolamento Interno degli Organi Aziendali e di Gruppo”, ad eccezione delle modifiche di mero adeguamento a disposizioni della normativa vigente o a delibere assembleari o consiliari gia assunte ed efficaci, previo parere favorevole del Collegio Sindacale laddove si tratti di disposizioni regolamentari concernenti il sistema dei controlli interni;
  • l’istituzione, il trasferimento e la soppressione di dipendenze o rappresentanze;
  • l’acquisto, la costruzione e l’alienazione di immobili, diversi da quelli concessi in locazione finanziaria dal Banco nell’esercizio della propria attività istituzionale;
  • l’assunzione e la cessione di partecipazioni che comportino variazioni del gruppo bancario, o comunque l'assunzione o cessione di partecipazioni di controllo, di collegamento, o che comportino il superamento di soglie autorizzative secondo le disposizioni applicabili; il Consiglio ha la facoltà di delegare, fissandone limiti, condizioni e modalità, la compravendita di azioni di società controllate quotate in mercati regolamentati, sempre che tale operatività avvenga: a) nel rispetto delle norme vigenti in materia di emittenti, intermediari e mercati; b) al di sotto delle suddette soglie autorizzative;
  • la determinazione dei criteri per la direzione ed il coordinamento delle società del gruppo bancario e delle altre so-cietà controllate, nonché dei criteri per l’esecuzione delle istruzioni della Banca d’Italia;
  • la nomina del Direttore Generale, di Vice Direttori Generali, di Dirigenti; la determinazione di poteri e attribuzioni agli stessi ed ai Quadri Direttivi;
  • la nomina dei responsabili delle funzioni di controllo interno (inclusa la funzione di conformità) e la definizione de-gli elementi essenziali dell’architettura complessiva del sistema dei controlli interni, previo parere favorevole del Collegio Sindacale;
  • l'eventuale istituzione, nomina e disciplina di comitati con funzioni propositive, consultive, di vigilanza e/o di coordinamento.
Ultima modifica 13/07/2016